ORA POSSIBILE EFFETTUARE ENDOSCOPIE

L'endoscopia è una procedura che permette di vedere alcuni distretti del corpo che altrimenti  si potrebbero visualizzare solo eseguendo una chirurgia. Ogni endoscopio è corredato di un set di strumenti che permettono all'endoscopista di indagare e prelevare biopsie dall'apparato respiratorio, digerente, genito-urinario, oltre che dall'’orecchio, sia in cani che in gatti. e' possibile inoltre estrarre alcuni tipi di corpi estranei gastrici. Negli animali l'endoscopia richiede la sedazione profonda.

Cina: per festeggiare si mangiano i cani, protestano gli animalisti

21/06/2015

A Yulin, nel Sud del Paese, per celebrare una festa del posto è tradizione mangiare carne di cane. Decine di animalisti sono intervenuti per cercare di impedire la mattanza, bloccati però dalle forze dell’ordine. “E’ un’usanza da selvaggi, un vero massacro”, urlano i difensori dei poveri animali. “Non è vero, stanno esagerando”, rispondono stizziti gli abitanti della zona. “Mangiamo carne di cane solo in queste occasioni. E comunque è buona e fa bene” 

 

Fonte: http://video.gelocal.it/ilpiccolo/mondo/cina-per-festeggiare-si-mangiano-i-cani-protestano-gli-animalisti/42836/42938?ref=search

Cani sui bus, la Provincia «obbliga» TriesteTrasporti

Giovanni Longo, presidente di TriesteTrasporti: «Confido nel buon senso e nella buona educazione dei cittadini. La Società farà il possibile per continuare a garantire livello di qualità e regolarità del servizio trasporto offerto finora e molto apprezzato dai nostri passeggeri»

A seguito di comunicazione ufficiale ricevuta dalla competente Provincia di Trieste in data odierna (22 giugno 2015) ed in attesa delle necessarie modifiche al Regolamento di Vettura vigente, Trieste Trasporti spa ha impartito al proprio personale le opportune indicazioni per la piena applicazione con effetto immediato della Legge Regionale 20/2012 così come modificata dalla Legge Regionale 5/2015 (modifiche all’art. 21, comma 4 ter) in materia di trasporto di animali da affezione sui mezzi adibiti al trasporto pubblico locale, e più precisamente:

 

“È consentito il libero accesso degli animali d’affezione su tutti i mezzi di trasporto pubblico operanti nel territorio regionale; i detentori di cani sono obbligati ad usare sia il guinzaglio che la museruola, ad eccezione di quelli destinati all’assistenza delle persone prive di vista. È concesso comunque l’utilizzo del trasportino in alternativa alla museruola. I gatti e i cani con particolari condizioni anatomiche, fisiologiche o patologiche che non possono far uso della museruola devono viaggiare all’interno di trasportini. Il detentore che conduce animali d’affezione sui mezzi di trasporto pubblico dovrà aver cura che gli stessi non sporchino o creino disturbo o danno alcuno agli altri passeggeri o alla vettura, pena risarcimento del danno causato. Non è ammesso il trasporto di più di due cani per autobus. L’animale potrà essere allontanato, senza diritto al rimborso del biglietto, ad insindacabile giudizio del personale aziendale, in caso di notevole affollamento e qualora arrechi disturbo ai viaggiatori».
 
Si precisa che al fine di definire le modalità applicative della norma ed armonizzarle a livello regionale, le quattro aziende che gestiscono il trasporto pubblico locale in ambito regionale (Trieste Trasporti, SAF Autoservizi di Udine, APT di Gorizia e ATAP di Pordenone), tramite le associazioni ASSTRA e ANAV che le rappresentano, hanno trasmesso una richiesta di incontro con la competente Commissione Regionale, evidenziando una serie di incertezze di natura tecnica e pratica già esposte ai competenti organi provinciali e regionali.“  

Fonte:http://www.triesteprima.it/cronaca/cani-sui-bus-la-provincia-obbliga-triestetrasporti.html

ELETTROAGOPUNTURA

PRESSO LA CLINICA VETERINARIA TERGESTE NON SOLO LASERTERAPIA E AGOPUNTURA CLASSICA, MA ANCHE ELETTRO-AGOPUNTURA


L’elettro-agopuntura consiste nella applicazione di corrente elettrica a bassissimo voltaggio agli aghi di agopuntura come mezzo per stimolare gli agopunti e potenziare l’effetto del trattamento con aghi. E’ nata in Cina come mezzo aggiuntivo alla stimolazione manuale degli aghi negli anni 30. E’ stata utilizzata all’inizio soprattutto per l’analgesia intra-operatoria.

Gli apparecchi elettrici che vengono utilizzati in agopuntura sono dei generatori di impulsi la cui forma, frequenza ed intensità possono essere modificate a seconda degli effetti terapeutici che l’operatore vuole ottenere. L’apparecchio è collegato ai punti di agopuntura attraverso due morsetti (polo negativo e positivo) così gli impulsi generati dall’elettrostimolatore vengono trasmessi nella zona interessata dai punti prescelti.

Essenzialmente l’elettro-agopuntura è indicata nella cura di tutte le malattie per le quali si prevede l’agopuntura tradizionale. In Cina è una terapia usata principalmente in caso di malattie del sistema nervoso, dei muscoli e delle articolazioni, più raramente in caso di disturbi interni.

Share by: